?

Log in

No account? Create an account
Quanta summer c'è, in queste estate? - It takes two to lie. One to lie and one to listen. [entries|archive|friends|userinfo]
uoitiua

[ userinfo | livejournal userinfo ]
[ archive | journal archive ]

Links
[Links:| GSW Rosenstolz MJT Archivio Simpsons ]

Quanta summer c'è, in queste estate? [Jul. 19th, 2009|05:25 pm]
uoitiua
[Tags|]

Come da tradizione estiva prima di partire si danno consigli per le vacanze. Luoghi, alberghi, itinerari, compagnie aeree e telefoniche per i migliori roaming, ma anche libri, dischi, aperitivi (quest'anno ho scoperto il pimm's, per dire) e vicine di ombrellone maiale. Per esempio, se andate in Scozia e avete intenzione di intrattenervi con qualche nativo o farvi intrattenere da qualche nativa, od entrambi i casi contemporaneamente, vi consiglio un pacchetto di questi.

Libro dell'estate

Deaf sentence by David Lodge.
Il genere humor in letteratura è tra i miei preferiti e uno degli autori che mi piacciono di più è David Lodge. Deaf sentece è il suo ultimo lavoro, si ride al solito molto e pure qualche passaggio mi ha scosso, capita di rado in un libro o romanzo supposto humor. La storia in breve, il professore di linguistica Desmond Bates è in pensione anticipata a causa della sua graduale ma precoce sordità. Questa premessa già è buona essendo l'inglese una lingua ricchissima di parole omofone. Mummy bear bears bare babe bear, questo è il primo esempio che mi viene in mente. Essendo ancora in gamba, sui 60 anni, con una moglie leggermente più giovane che sta avendo però una seconda e di successo, vita professionale, in pensione si annoia a morte, non fosse altro per le attenzioni che deve ad un padre novantenne e non bene in arnese. Quando compare una provocante e brillante studentessa americana in cerca di tutor e lui vi si intrattiene in conversazione senza portare gli auricolari che gli servono per sentire, comincia un gioco degli equivoci gustoso che coinvolge e implica riflessioni sui rapporti nel mondo accademico, disabilità, relazione e morte. Notevole l'uso del bellissimo libro, embedded nel testo insieme anche a molta poesia, di John L. Austin, Come fare cose con le parole, quando l'io narrante, un linguista ricordo, cerca di spiegare alcune situazioni di dialogo che intercorrono.
 


 
Disco categoria: Distractie placuta
Circo Abusivo "Valtellazijarecvolucija"
Sarà il mio tardo amore per il basso tuba, inteso come strumento e non come imperativo amoroso per nanetti, ma trovo la musica d'ispirazione balcanica fantastica. I miei musicisti preferiti sono il sublimissimo clarinettista Ivo Papazov e la Fanfare ciocarlia che forse avrete sentito rifare Born to be wild nel film Borat, ed ora ascolto con piacere il disco dei Circo Abusivo, Valtellazijarecvolucija, 
Il cd è pieno di energia festaiola e di chicchette come la traccia 11 "Sandella Style" che ricorda affettuosamente quel cuore matto di little tony, meno male che l.t. ora prende gli yougurtini o meglio pretende che sia così per i commershil alla tivì, o la traccia 10 "Cammello" e 12 con delle spruzzate di musica klezmer che mi hanno riportato piacevolmente nel mondo del progetto masada ed accenni colti come i classici intramontabili "la famiglia dei gobbi" (per me è: e mi e ti e toni)  e "Supercar". 
 
 
Disco Categoria: Frizzami&Jazzami
Lorenzo Frizzera "Everything can change"
E' sempre difficile descrivere come suona un disco, un disco jazz ancora di più, un disco jazz composto e suonato da un amico, difficoltà al cubo, un disco jazz composto e suonato da un amico con ospite Joey DeFrancesco, chi non ha il disco Goodfellas, well io non lo so che gli farei, si arriva a difficoltà di ordine alla quarta, cioè oltre la terza dimensione. Me la potrei cavare semplicemente dicendo che questo nuovo lavoro è stupendo, Lorenzo Frizzera un chitarrista con le contromanopole e con tutte le bobine apparentemente al loro posto, insomma con descrizioni finto tecnico minuziose delle ballate tipo rivista seria (choord-melody, introspective ballad, basic blues e altre idee pippole del genere) nelle loro strutture (tipo AABA standard, piuttosto che ABBA gold) invece dirò che Lorenzo oltre ad essere un accanito giocatore di monopoli ha incredibile senso della melodia sia nelle composizioni che soprattutto nei soli e che si muove all'interno di questi con un senso elastico del tempo, in modo particolare nel pezzo "Leaving", che fa assolutamente la differenza in tutto quello che suona. Da questo disco entrano nella mia hit personale di pezzi jazz la traccia numero 3 "Blind", pezzo splendido, il bellissimo tema mi ricorda cose alla Attila Zoller, il pezzo Ten Days Before, con i loop che danno un po' un'idea ipnotica superba e infine, oltre alla già citata Leaving, Invisible Path. Il disco lo trovate su Itunes, sul suo sito personale e non myspaceico invece degli esempi in mp3 e gli spartiti.
 
LinkReply

Comments:
[User Picture]From: gionni
2009-07-19 11:25 pm (UTC)
Oooohh i whisky flavoured sono spettacolari. Ma poi come fai a usarli? Non ti distraggono dall'azione da esercitare a quella nominale?
Il Frizzera per il poco che lo sento mi ricorda certo Jazz di provenienza fusionana anni novanta.
(Reply) (Thread)
[User Picture]From: uoitiua
2009-07-20 08:05 am (UTC)
eh, ma se ti fai distrarre da un drink vuol dire che non sei tanto interessato all'atto, quindi tanto vale distrarsi. è più un simpatico gadget per turisti, credo, che davvero utile, un po' come se gli stranieri in italia trovassero condom gusto bologness o allo scoglio. certo, poi nelle valli ci potrebbe essere il gusto polenta e osei (o polenta e stockfish!), ma allora ci sarebbero valenze semantiche di livello altroché.
-fusion è una parola contenitore molto ampia, non so bene a cosa ti puoi riferire precisamente. qui in realtà tempi, sonorità, fraseggi sono straight jazz.
(Reply) (Parent) (Thread)
[User Picture]From: gionni
2009-07-20 08:34 am (UTC)
Fusion per uno che venga dal Jazz, la parte fusion che ora che la fusion non c'è più chiamiamo semplicemente Jazz. Artisti GRP se non proprio un vago chè methenyano.
Jazz all'afror di pulenta musicale insomma.
(Reply) (Parent) (Thread)
[User Picture]From: uoitiua
2009-07-20 08:54 am (UTC)
Qui si entra in tema di gusti musicali. In genere agli appassionati di jazz il jazz chitarristico non è mai piaciuto dopo Reinhardt o Montgomery e quindi non vale nemmeno soffermarsi.
Però pulenta musicale è un termine più snob di quanto in realtà io possa ritenere, derivando dalla pula fermentata il borş, una minestra acida che mi piace assai.
(Reply) (Parent) (Thread)
[User Picture]From: gionni
2009-07-20 09:06 am (UTC)
E vabè allora fermiamoci a Charlie Christian. Ce ne sono stati e ce n'è, chitarristi Jazz, che per me a cui piace altro strumento devo dire di trovare fondamentali: Pass, Hall, Burrell, Byrd, per dire i primi che mi vengono in mente. Metheny. decisamente il chitarrismo Jazz non 'è fermato in quelle prime decadi di inizio secolo scorso.
(Reply) (Parent) (Thread)
[User Picture]From: uoitiua
2009-07-20 09:14 am (UTC)
Eh, se dobbiamo parlare di influenze rintracciabili Jim Hall, che io adoro, c'è tutto. Come senso del tempo e scivolare sul tempo John Scofield. I suoni sono puliti e quindi abbastanza riconoscibili ora come ora come metheniani, tutto qui. Questo video è interessante: http://www.youtube.com/watch?v=3lCWvMFp2UY
come vedi dai commenti sotto c'è a chi piace e a chi no. e meno male.
Nondimeno se passasse dalle tua parti con Joey DeFrancesco vale la pena buttarci due orecchie (se non quattro) http://www.youtube.com/watch?v=bWVzV8eanSI

Edited at 2009-07-20 09:26 am (UTC)
(Reply) (Parent) (Thread)
[User Picture]From: gionni
2009-07-20 09:27 am (UTC)
Il Jim piace anche al sottoscritto. Scofield lo conosco meno invece in fatto d'ascolto. Comunque intendevo quel genere di suoni, Jazz, o Fusion che fu diventata poi semplicemente Jazz.
Direi che se la cava il Frizzera.
(Reply) (Parent) (Thread)
From: ih_oia
2009-07-20 08:31 am (UTC)
ma soprattutto: non è che bruciano?
(Reply) (Parent) (Thread)
[User Picture]From: gionni
2009-07-20 08:37 am (UTC)
se bruciano, dal basso verrà odore di cucina al liquore. non è molto per ovviare al danno arrecato, ma almeno le narici ne proveranno piacere e al palato verrà offerta una idea di soluzione per dimenticare quanto appena avvenuto.
(Reply) (Parent) (Thread)
From: ih_oia
2009-07-20 08:39 am (UTC)
tipo babà al rum?
(Reply) (Parent) (Thread)
[User Picture]From: gionni
2009-07-20 08:44 am (UTC)
o cannoncino, comunque di forma adatta alla penetrazione dell'uomo nello spazio diciamo, e al liquore.
(Reply) (Parent) (Thread)
[User Picture]From: uoitiua
2009-07-20 08:56 am (UTC)
In questo caso uno scozzese direbbe Cream Horn. C'è del buffo, in Iscozia.
(Reply) (Parent) (Thread)
[User Picture]From: gionni
2009-07-20 08:59 am (UTC)
Cream Horn è anche peggio di quegli affari, da un punto di vista semantico percettivo.
Si sanno divertire da quelle parti.
(Reply) (Parent) (Thread)
From: ih_oia
2009-07-20 08:59 am (UTC)
Mi fa impressione.
Tipo una volta che un mio amico ha asserito che quando c'è troppa lubrificazione, usasi fare attrito spalmando le parti anatomiche di miele. Io vorrei sapere chi gliel'ha detto. E vorrei sapere anche chi lo fa. Al solo pensiero immagino infiammazioni potenti, ricordando l'effetto che fa quando me lo spalmo in faccia per 5 minuti di maschera idratante. Poi vai e togliti il miele da dentro. Che fantasia.
(Reply) (Parent) (Thread)
[User Picture]From: gionni
2009-07-20 09:07 am (UTC)
E le api? E se quel giorno un intero sciame di api passa da lì?
No, decisamente il miele non è adatto per quelle cose; anche in 9 settimane e mezzo si fermavano prima.
(Reply) (Parent) (Thread)
[User Picture]From: uoitiua
2009-07-20 09:36 am (UTC)
succedeva in quella mezza settimana in più ad arrivare a 10! bravi ad aver tagliato e occultato, la faccenda delle api, intendo.
(Reply) (Parent) (Thread)
From: ih_oia
2009-07-20 09:37 am (UTC)
No, pensa d'estate, con le mosche che ti ronzano nella stanza. E poi, se arriva un orso bruno?
(Reply) (Parent) (Thread)
[User Picture]From: gionni
2009-07-20 09:44 am (UTC)
Era ovvio che sarebbe finita così - come dicono Homer e l'Hell's Angel quando si mettono a battagliare brandendo delle Harley Davidson (e a Homer che la perde gliela tira Marge).
In effetti quella dei baribal che si infilano in stanze dove gente sperimenta sesso alimentare è una piaga che non cessa di fare vittime.
(Reply) (Parent) (Thread)
From: ih_oia
2009-07-20 07:53 am (UTC)
Io sabato c'erano,
cioè loro sabato c'erano,
(in realtà domenica c'erano i vicini che tagliavano piastrelle dalle 9 del mattino per rifarsi presumibilmente la pavimentazione del cesso, mentre io avevo fatto le ore piccole, perciò il lobo grammatico mi è andato un po' fuori fase per sonno disturbato e insufficiente)
insomma sabato c'erano anche i gitani che suonavano alla festa in cui suonavamo noi, Rosabalkan, mai sentiti? Un fisarmonicista e una cantante. E poi tutte le zingare che si sono messe a ballare. A proposito di musiche balcaniche che ci piacciono molto anche a me e a me (così giustifico il "ci")
(Reply) (Thread)
[User Picture]From: uoitiua
2009-07-20 08:21 am (UTC)
eh, non li mai sentiti, ma ci sono un sacco di gruppi validi.
le zingare e gli zingari dovrebbero ballare con le mani sopra la testa scioccando le dita a ritmo. uno spettacolo.
a me piace molto l'aria di festa che danno le band con gli ottoni di solito, quando ce un basso tuba e un trombone a coulisse per me è fatto lo show, un duo solo voce e fisa in teoria non mi piacerebbe però poi dal vivo mi son sempre piaciuti. senti questo pezzo, triste in realtà, io lo trovo fenomenale:
http://www.youtube.com/watch?v=S7EzkNwCcQQ
(Reply) (Parent) (Thread)
From: ih_oia
2009-07-20 08:39 am (UTC)
non saprei, diciamo che quando dopo di loro sono saliti sul palco i primi senegalesi, il pubblico è uscito fragorosamente dal torpore. In effetti fisarmonica e voce erano un po' "pochini", anche se molto molto bravi. Le zingare hanno ballato solo sull'ultimo brano, gli zingari manco si sono mossi, stavano lì, fumando, con la panza prominente e orgogliosa. Comunque fanno una cosa tipo danza del ventre, meno esagitata e meno coreografica, però i movimenti dei fianchi e delle mani ci sono. C'era anche una bambina che ballava. Invece quando suonavamo noi c'era un tipo brizzolato, vestito di nero con una maglietta stampata, oltre i 40 mi sà, serissimo, che ballava un misto tra scimmia e rockstar, da solo, coreografie improbabili. Alla fine si è anche messo gli occhiali a specchio. Al buio.
(Reply) (Parent) (Thread)
[User Picture]From: josephine_march
2009-07-20 08:56 am (UTC)
Il libro di Lodge deve essere una figata (io ho letto solo "Il professore va al congresso"), e assolutamente da leggere solo in lingua originale, penso.
Ci pensero'!
(Reply) (Thread)
[User Picture]From: uoitiua
2009-07-20 09:00 am (UTC)
Esso lo è! David Lodge ho cominciato a leggerlo in inglese in realtà a caso, non come scelta "editoriale", perché avevo letto dei libri di O'Henry in inglese che non avevo trovato in italiano così presunsi che nemmeno Lodge fosse in traduzione, sbagliando. Tant'è.
(Reply) (Parent) (Thread)
[User Picture]From: josephine_march
2009-07-20 09:01 am (UTC)
:)
(Reply) (Parent) (Thread)
[User Picture]From: topodifogna
2009-07-21 07:50 am (UTC)
Per imperdonabile distrazione non ho mai letto alcunchè di Lodge, ma siccome il genere humor in letteratura puta caso sia anche il mio preferito ho preso nota.
A questo punto si impongono i seguenti approfondimenti:
- merita anche tradotto in italiano? (non ho alternative plausibili)
- da quale consigli di iniziare per innamorarmene?
- altri suggerimenti di letture similari?

E già che ci sono: tu, l'hai letto Christopher Moore? No, perchè sai, non puoi non leggerlo.
(Reply) (Thread)
[User Picture]From: uoitiua
2009-07-21 08:11 am (UTC)
- credo di sì, sono sicuro che la traduttrice sia ottima.
- E' crollato il British Museum e Il professore va al congresso, per cominciare.
- ora su due piedi non mi viene niente, ma appena sarò cosciente ti avviserò. mmm, conosci già O'Henry?

Chistopher Moore me ne procurerò immediatamente, sabato cioè che qua si hanno degli immediati morbidi, una copia. Quale?
(Reply) (Parent) (Thread)
[User Picture]From: topodifogna
2009-07-22 08:00 am (UTC)
Di C. Moore devi ASSOLUTAMENTE leggere Il vangelo secondo Biff.
Stupendo, bellissimo, geniale. E un lavoro pazzesco perchè narra della vita di Gesù e delle tre religioni più gettonate dall'umanità.
Ma non ti spaventare, lo fa con eleganza, leggerezza, senza grottesco e goliardia, senza pesantezza o saccenza.
Credimi, vale la pena.

Gli altri sono sicuramente Un lavoro sporco e Suck! con elementi fantastici/surreali.
(Reply) (Parent) (Thread)
[User Picture]From: uoitiua
2009-07-22 08:33 am (UTC)
eh non lo so, guarda, allora se lo fa con eleganza, leggerezza e senza il grottesco, scusa, dov'è tutto il divertimento, allora mi rileggo il Nuovo Catechismo, che almeno sul lato grottesco non mi risparmia nulla e dal lato didattico mi insegna quanto, come e dove posso toccare le femmine!
(Reply) (Parent) (Thread)